Anci Marche ha radunato gli amministratori di domani.

ANCONA -  L’Assemblea dell’Anci Giovani Marche presieduta dal coordinatore regionale Francesco Ameli, ha visto la presenza del coordinatore nazionale Gianluca Callipo e del Presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi. Nel corso della mattinata c’è stato l’intervento di Guido Castelli, Presidente dell’Ifel e di Roberto De Angelis, coordinatore dei piccoli comuni di Anci Marche. Il titolo della giornaassembleata è stato “Il tema dell’Associazionismo, Unioni e Fusioni” che è stato approfondito dai vari punti di vista, sia economico, che politico, che culturale. Il denominatore comune è stata “la necessità di mantenere la centralità del confronto nei territori prima di procedere ad ogni decisione che va a modificare l’assetto istituzionale e politico”, ha detto il presidentcoord_giov_Anci_callipoe Mangialardi che ha introdotto la giornata, “dando un contributo come rappresentanti di una generazione giovane che sa intercettare il cambiamento senza rinnegare la sua storia” – ha aggiunto Gianluca Callipo. Roberto De Angelis ha chiesto coerenza al legislatore “che ha preso decisioni non sempre comprensibili e non sempre votate al vero contenimento dei costi ma creando difficoltà di amministrazione soprattutto per i piccoli comuni”. Soddisfatto il coordinatore regionale Francesco Ameli: “Per noi giovani amministratori stare dentro l’Anci Marche significa fare una grande palestra ed apprendere esperienze che ci saranno utili a titolo personale e come amministratori del presente e del futuro”.