ANCI MARCHE: Il progetto dei fabbisogni standard parte con la polizia locale

COMUNICATO STAMPA

ANCI MARCHE: Il progetto dei fabbisogni standard parte con la polizia locale

ANCONA 18/02/2011 – Referenti di Comuni e Province a scuola di compilazione dei questionari relativi al progetto del federalismo fiscale sui fabbisogni standard come imposto dal Decreto Legislativo 216/2010. Il 1′ incontro formativo organizzato dall’Anci Marche ad Ancona riguarda la compilazione del questionario relativo alla preventivazione dei costi: Comuni e Province hanno 60 giorni per compilarlo, pena il blocco dei contributi.

“Per i Comuni si comincia con la rilevazione dei dati relativi ai fabbisogni standard per Polizia Locale e poi per le Funzioni Generali, mentre per le Province con i costi per la formazione – ha detto il presidente di Anci Marche Mario Andrenacci introducendo l’incontro – e per questo abbiamo ritenuto utile ritrovarci oggi. Grazie alla presenza degli esperti dell’IFEL – ha aggiunto – approfondiamo le dinamiche di compilazione di quanto richiesto.”

Per semplificare il lavoro è stato creato un portale all’indirizzo http://opendata.sose.it con tutte le istruzioni utili alla compilazione che avviene esclusivamente on-line.

In aiuto saranno comunque a disposizione due livelli di esperti: quelli di 1′ livello a carattere interregionale per le informazioni generali, e quelli di 2′ livello a carattere regionale per la corretta interpretazione delle direttive.

Il titolo del seminario: “Fabbisogni Standard – D. Lgs. 216/10 – Al via il processo di rilevazione diretta nei Comuni” organizzato dall’Anci Marche, infatti, prevede (come recita l’art.1) “di assicurare un graduale e definitivo superamento del criterio della spesa storica” e si inserisce in una serie di attività formative che Anci Marche sta promuovendo da tempo per sostenere le attività dei comuni marchigiani, come già accaduto per gli incontri sul SUAP e sul Piano Casa.

“Nel D.Lgs 216/10 – ha concluso Andrenacci – i fabbisogni standard costituiscono i nuovi parametri cui ancorare il finanziamento delle spese fondamentali di comuni, e province al fine di assicurare un graduale e definitivo superamento del criterio della spesa storica. Tale superamento costituisce uno dei punti cardine del nuovo assetto dei rapporti economico-finanziari tra lo Stato e le autonomie territoriali delineato dalla legge delega 42/09 sul federalismo fiscale.”

Articoli correlati